Arenaria

Mario Crispi & Arenaria

Arenaria

voci, suoni e atmosfere dal Golfo di Palermo

voce, flauti arcaici, violino elettrico, Chapman stick, laptop, batteria e percussioni

L’ensemble ARENARIA nasce nel 2009 a seguito dell’omonima pubblicazione di Mario Crispi, che, sviluppando il progetto in chiave di formazione musicale autonoma ne ha incentrato la poetica musicale in stretta relazione con il concetto di “sedimentazione”, di interazione con altri linguaggi musicali, con culture di altri popoli e di altre etnie ma basando la propria centralità mediterranea scaturita dalla propria provenienza geografica: la Sicilia.
Arenaria infatti costruisce paesaggi musicali che si dipanano tra evocazione e narrazione e ne definisce le dimensioni sonore, avvalendosi delle capacità espressive dei musicisti che lo compongono e che condividono reciprocamente i rispettivi percorsi musicali.

“Arenaria”, pur essendo un gruppo aperto (ovvero che alterna organici variabili), è formato da Mario Crispi, direttore ed ideatore del progetto, alla voce, agli strumenti a fiato arcaici ed etnici e al laptop, da Enzo Rao al violino elettrico, grande musicista di raffinato gusto e profondo conoscitore delle musiche dei popoli del Mediterraneo, Maurizio Curcio allo Chapman stick, laptop e pianoforte, musicista sensibile e poliedrico, Carmelo Graceffa, raffinato musicista e cultore della batteria e delle percussioni del mondo.

Arenaria costruisce paesaggi musicali che si dipanano tra evocazione e narrazione e ne definisce le dimensioni sonore, avvalendosi delle capacità espressive dei musicisti che lo compongono condividendo tra loro i percorsi musicali.

“Arenaria”, pur essendo un gruppo aperto (ovvero che alterna organici variabili), è formato da Mario Crispi,  direttore ed ideatore del progetto, da Enzo Rao al violino elettrico, grande musicista di raffinato gusto e profondo conoscitore delle musiche dei popoli del Mediterraneo, Maurizio Curcio allo Chapman stick, laptop e pianoforte, musicista sensibile e poliedrico, Carmelo Graceffa, raffinato musicista e cultore della batteria e delle percussioni del mondo.

Il concerto è spesso accompagnato da immagini, video e riprese dal vivo elaborate da Cinzia Garofalo che interagisce in tempo reale con la musica esaltandola con foto, filmati ed effetti visivi, e contribuendo a costruire atmosfere evocative

2007

September Concert Event (Rome – Italy)

2009

Paesaggi di Suoni (Lazio – Italy)

2010

Auditorium Parco della Musica di Rome, (Rome – Italy)

2011

Anteprima Poiesis festival Fabriano – Grotte di Frasassi (Italy)
Circuito del Mito Festival
(Sicily – Italy)
Premio De Andrè
(Rome – Italy)

2012

Vernissage of exposition “Islam in Sicily Gibellina (Sicily – Italy)

2014

Rassegna Mistykos (Palermo – Italy)

2015

Ignazio Buttitta Prize (Palermo – Italy)

2016

Palermo For Peace 2016 – Teatro di Verdura – (Palermo – Italy)

2018

International Rare Disease Day Mystikos 5a edition(Palermo – Italy)
Raizes – International musical cultures – Centro Culturale ZO
(Catania-Italy)
Festival Sete Sois Sete Luas – Centro Culturale Sete Sois Sete Luas
(Pontedera-PI-Italy)
AlturEstival 2018 – National arts Festival –
(Palermo- Italy)
Musicaccogliente – Other Music Festival –
(Palermo-Italy)
SpaziOttagoni
(Roma-Italy)
Ethnos 2018 International world music festival – (Napoli-Italy)
Musiche Senza Confine
Cantieri Culturali alla ZIsa (Palermo-Italy)

Musicisti (tour 2018)

MARIO CRISPI
voce, strumenti a fiato arcaici ed etnici, laptop

ENZO RAO CAMEMI
violino e oud elettrici, effetti

MAURIZIO CURCIO
Chapman Stick, laptop

CARMELO GRACEFFA
percussioni, drum set

In particolari eventi sono coinvolti anche Massimo Laguardia, energico suonatore di tamburi a cornice del Sud Italia (tammorre e tamburelli) e Giuseppe Lomeo, alle chitarre filtrate, Said Benmsafer, maestro di oud marocchino, Giovanni Lo Cascio, come percussionista e batterista (che si alterna a Carmelo Graceffa).

Le presenti recensioni si riferiscono al disco “Arenaria” di Mario Crispi uscito nel 2009 da cui è scaturita l’attuale formazione che sta elaborando la prima pubblicazione a nome appunto Arenaria intitolate MAEREAM la cui previsione d’uscita è gennaio 2018

Grande musica made in Italy
sabato, 16.05.09 – Recensioni
Mario Crispi – Arenaria – Suono records – SR 003

E’ con grande piacere che vi segnalo questo album di Mario Crispi, con la speranza che non si alzi il solone di turno ad obiettare:”Ma questo non è jazz”. E chi se ne frega: si tratta di un disco di notevole livello, originale, denso di idee, ottimamente strutturato ed altrettanto ben eseguito che credo anche gli appassionati di jazz gradiranno non poco.
Mario Crispi è musicista ben noto essendo stato, tra l’altro, fondatore degli Agricantus, uno dei migliori gruppi della world music italiana. Musicista “onnivoro” nel senso migliore del termine, Crispi ha viaggiato in lungo e in largo per il mondo sedimentando una serie di conoscenze che lo portano ad una concezione della musica “aperta”, insofferente di qualsivoglia schematismo od etichetta.
E questo album ne è la riprova: Mario parte dalla sua terra, da quella Sicilia così ricca di mistero e di fascino, per innervare la sua musica con una serie di stimoli che provengono da mondi e situazioni i più diversi tra loro. Ad unificarli c’è la grande sagacia del musicista che per raggiungere i suoi obiettivi di immediatezza e reale sincerità espressiva ha usato tecniche compositive, interpretative e di registrazione affatto inusuali.
Innanzitutto le registrazioni sono state effettuate con uno studio portatile in giro per la Sicilia in luoghi di particolare interesse acustico ed evocativo come “le grotte della Gurfah di Alia” (meglio conosciute in loco come le grotte saracene) , “la tomba del Principe” a Sant’Angelo Muxaro del VII secolo A.C. o ancora il celebre mercato ittico di Palermo.
Per quanto concerne le tecniche compositive ed interpretative, Crispi si rifà ad alcuni stilemi propri della tradizione orale della Sicilia occidentale come il “canto alla carrettiera” e soprattutto quel “cunto palermitano” che si utilizzava per narrare le gesta dei paladini di Francia: nell’album viene riscoperto per il brano “Cuntu ri Guerra” che descrive, con grande intensità emotiva, un quotidiano fatto di guerra e di fuga; alla perfetta riuscita del brano contribuisce non poco l’improvvisazione al pianoforte di Salvatore Bonafede, altro straordinario musicista (jazz) siciliano che non ha ancora ottenuto i riconoscimenti che gli spettano.
E così ogni brano meriterebbe una citazione per i significati che racchiude, le storie che racconta. Ma forse è meglio fermarsi qui e lasciare all’ascoltatore il gusto avvincente della scoperta.

Beat Bop a Lula
Mario Crispi – Arenaria
Suono Records, 2009
di Francesca Grispello (18/02/2010)

Ascoltare Arenaria, il nuovo disco di Mario Crispi è un dolce abbandono notturno. Il polistrumentista siciliano, noto per essere uno dei fondatori degli Agricantus, si cimenta nel secondo album solista dopo Soffi del 2000. Arenaria racconta il metodo e l’animo della ricerca dell’artista che, per registrazioni e influenze mediterranee, fonde con grazia la storia della sua terra, le esperienze dei suoi viaggi e la tecnologia.
Arenaria racconta il suono di una terra, e non è retorica, ma l’artista con una attrezzatura minima ha registrato i suoi brani in vari luoghi della trinacria, crocevia di culture. Le Grotte della Grufa, la Tomba del Principe, il Palazzo Mineo, Alcara Li Fusi, sono solo una parte delle location che Mario Crispi coinvolge per la carica acustica e ancestrale.
Il disco si apre con Cala e sono le ore 4.12 del mattino al mercato ittico di Palermo e ci immaginiamo l’odore e i gesti che si ripetono sempre uguali nel ritmo del lavoro, della vita e della morte dei giorni e del dialetto. Il cunto palermitano, strumenti come il dudukarmeno, capace di riprodurre il canto dei carrettieri di Bagheria che scopriamo in Carritterae non solo. Violino, sinth, fiati, voci, percussioni, tamburi ed elettronica creano incastri ritmici che conducono l’ascoltatore in un ambiente onirico lieve e suggestivo.
Complici essenziali sono Salvatore Bonafede, Maurizio Curcio, Massimo Laguardia, Giuseppe Lomeo e un brano improvvisato con il collettivo musicale FolkLab. 13 tracce da scoprire per le sedimentazioni che l’arenaria stessa contiene.

L’isola della Musica Italiana
Mario Crispi
Arenaria
di Rosario Pantaleo

Non siamo più abituati ai suoni proposti da Mario Crispi, che in “Arenaria” – il suo ultimo lavoro – ci accompagna in terre sonore sconosciute o, comunque, poco frequentate. “Arenaria” non è un album facile, così come non lo era il suo predecessore “Soffi”, così come non è facile porsi nell’ottica dell’artista siciliano che, da sempre, predilige la ricerca al facile approccio con la musica. Un lavoro proposto da Crispi, in veste solista oppure con gli Agricantus, richiede attenzione, meditazione, dedizione perché la musica, passata attraverso le intuizione del musicista palermitano non sono mai banali bensì un’esperienza sonora e culturale. Il suo non è solo un prodotto artistico, gradevole o meno, ma il risultato di una ricerca profonda nelle proprie radici ed anche nella necessità di trasformare queste radici in qualcosa di intelligibile, di condivisibile, anche con coloro che sono lontani dai suoni e dalla cultura proposti da Crispi. E così come ben aveva impressionato “Soffi” anche “Arenaria” lascia il segno trasportando l’ascoltatore, consapevole o meno, in un mondo pieno di suggestive fantasie, mai fini a se stesse ma profondamente radicate nella tradizione e nel passato della “terra madre”. Un album coraggioso “Arenaria”, un album che interroga chi lo ascolterà circa il senso di una ricerca spesso non compresa, talvolta giudicata snob, eppure necessaria ed importante per il mantenimento e per la diffusione di una cultura che aiuta ad osservare quanto ci unisce rispetto a quanto ci divide rispetto ad altre culture. Magari quelle a noi più prossime…

Jam Viaggio nella musica Luglio/Agosto 2009 n° 161
Mario Crispi – Arenaria – SUONO

Secondo lavoro solista di Mario Crispi che continua ad affiancare l’esperienza personale di attento osservatore delle musiche del mondo a quella delgli Agricantus, di cui è stato fondatore.
Arenaria è un lavoro poetico sulla Sicilia, forse un pretesto per poter parlare ancora una volta dei crocevia culturali che ne hanno caratterizzato la storia e la tradizione. Per potersi nutrire dell’energia  ancestrale di certi luoghi, Crispi si è munito di di uno studio mobile ed è andato a registrare in alcuni insediamenti neolitici dall’acustica perfetta o addirittura al Mercato Ittico di Palermo. Ne è uscito un lavoro dal sapore verace, ricco di colori e suoni solo apparentemente lontani. A dargli una mano, una nutrita schiera di bravi musicisti, naturalmente tutti siciliani.
Roberto Caselli

IL GIORNALE DELLA MUSICA 06/09 dischi & media pag. 70
Ballando/Italia: Malìa di Sicilia
Mario Crispi – Arenaria – Suono Records

Pietra d’Aspra, il nome palermitano dell’arenaria, è una metafora della cultura isolana e della ricerca del polistrumentista Mario Crispi, mente sonora di Agricantus e avvezzo al rapporto dialettico tra respiro acustico dei fiati tradizionali, suoni d’ambiente e tecnologie di riproduzione sonora. Crispi ha scelto di esaltare singolarità  e risposte acustiche di siti simbolici di Sicilia, registrandovi alcune sequenze ma lasciandosi ispirare dalla malia dei luoghi. Arenaria è un lavoro fatto di ponti sonori, d’incastri ritmici, melodici e timbrici, di reinvenzione di forme e stili musicali della Sicilia. Cruciali le collaborazioni di Maurizio Curcio allo stick, Massimo Laguardia ai tamburi a cornice, Giuseppe Lomeo alla chitarra ad arco ed Enzo Rao, la cui ricerca violinistica è della stessa lunghezza d’onda di quella di Crispi. Ci trovate il cunto e l’improvvisazione al piano di Salvatore Bonafede (”Cuntu ri guerra”, “Andatura” con voce e duduk); in “Gurfah” una melodia nubiana al clarinetto bicalamo arghoul si poggia su una ritmica di tammurriata e tarantella. Voci della compravendita del mercato ittico di Palermo confluiscono in “Cala”. Ma c’è tanto da scoprire nelle tredici tracce di questo disco di dense sedimentazioni sonore.

Arenaria - MAEREAMM.A.E.R.E.A.M.

Il lavoro M.A.E.R.E.A.M., acrostico palindromo formato dalle iniziali dei brani che lo compongono, è il primo lavoro discografico dell’ensemble ARENARIA, gruppo fondato da Mario Crispi e da lui diretto, avvenuto successivamente alla pubblicazione dell’omonimo CD di Crispi, avvenuto nel 2009. M.A.E.R.E.A.M. nasce inizialmente come performance musicale a commento e scansione sonora di un convegno medico su alcune patologie legate alla maternità, tenuto all’Ospedale V. Cervello di Palermo qualche tempo fa. Qui la musica, a metà tra la musica ambient e la musica da meditazione, si è fusa con la densità e complessità dei contenuti di un contesto scientifico.

M.A.E.R.E.A.M.

  1. Matri

  2. Annacari

  3. Elegia

  4. Repitu

  5. Erva merica

  6. Abbacari

  7. Maravigghia

durata totale: 49’00”

Crediti:

Mario Crispi: fiati arcaici e computer,

Enzo Rao: violino elettrico, effetti e percussioni

Maurizio Curcio: Chapman Stick, tastiere e computer,

Claudia Lo Castro: voce

Registrazione: Giancarlo Romeo

Postproduzione e masterizzazione: OndaSonora Studio
Grafica: Oimar Spiric

Produzione: Formedonda produzioni

codice: 4061798000517

data: 07/03/2018
Società distribuzione digitale: iMusician Digital AG
link Itunes: https://itunes.apple.com/lu/album/m-e-r-e-m-live-mario-crispi-enzo-rao-maurizio-curcio/1357077752

info & bio
(ITA pdfENG pdf)
Technical RIDER
(ITA pdf  – ENG pdf)