Passeggiate di Suoni & Sacrophonè

Due nuovi festival nel Lazio: Passeggiate di Suoni e Sacrophonè

L’Associazione Formedonda è lieta di dare notizia che nel mese di ottobre e novembre 2021 ha organizzato due festival nel Lazio: “Passegiate di Suoni 2021” a Tuscania e “Sacrophonè” a Sacrofano. Due iniziative per valorizzare i due borghi medievali e le bellezze paesaggistiche e ambientali in cui sono immersi, utilizzando la musica come veicolo di “esplorazione” di altre culture e al tempo stesso di quelle proprie. Concerti, escursioni musicali, incontri e visite guidate si susseguiranno in tre fine settimana. I primi due a Tuscania, dal 29 al 31 ottobre e dal 5 al 6 novembre, e il 13 e 14 novembre a Sacrofano.

Passeggiate di Suoni

Un’iniziativa culturale pensata e realizzata per
Tuscania che vede visite guidate, itinerari sonori, performance estemporanee affiancate a forme consuete di spettacolo, tenute presso al Teatro Pocci, e coadiuvate anche da esperienze eno-gastronomiche di prodotti e tradizioni locali legate alla terra ed alla pastorizia.
Ad organizzare la manifestazione sono le due associazioni Tuscania d’Arte e Formedonda la cui partnership riprende la filosofia sulle orme lasciate da una esperienza come Paesaggi di Suoni, festival di Tuscania che le
medesime organizzarono alcuni anni fa, aggiornandola ad una dimensione ancora più legata all’ambiente e ad una fruizione sostenibile di esso. Il “reset” del turismo culturale imposto dal Covid-19 (ovvero no a grandi
assembramenti, rilancio del rapporto con la natura, ripresa del viaggio)
diviene pertanto una seria opportunità per il rilancio culturale e turistico
dell’area in questione, e in una chiave ancora più ergonomica, rispettosa dell’ambiente e per un turismo diffuso e a misura d’uomo. Stimolate in tal senso, le due associazioni intendono spingere l’iniziativa nell’ambito di un turismo esperienziale più vasto che ha visto un incremento progressivo per le aree ad alto interesse turistico/culturale.
Si propongono infatti artisti quali Phase Duo, duo di Milano che coniuga
musica classica ed elettronica, Agricantus, il noto gruppo siciliano di world music, Il Teatro di Carta, compagnia di teatro di figura basata sulle ombre, Francis Kuipers, il musicista/compositore anglo-fiammingo famoso per le sue ricerche sonore, Sora Rionda, una giovane musicista e cantautrice cubana, Stefano Saletti & Banda Ikona con il loro “Sabir” (la lingua parlata dei porti di mare) e Le Jardin du me Paer, suoni e voci sardo-provenzali. Incastonate nella programmazione le “passeggiate musicali”, con la guida di Annarita Properzi, Ione Kehr Ciccioli, Giuseppe Tiberi e Alessandro Tizi che insieme a Mario Crispi, Fiore Benigni e Pasquale Laino, noti musicisti solisti di grande talento, condurranno i partecipanti negli anfratti, vicoli e radure degli ambienti della città storica di Tuscania e della Valle del Marta con degustazioni a base di prodotti gastronomici locali e di qualità presso aziende agrituristiche come la Sensi.

www.passeggiatedisuoni.com



Sacro-Phoné

L’idea di Sacro-Phoné nasce in un momento storico dove le attività artistiche e culturali hanno subito un durissimo colpo a causa della pandemia. Esiste, quindi, la necessità di reagire a questa situazione, affermando l’urgenza di un forte bisogno di cultura, un valore da sempre fiore all’occhiello del nostro Paese. Appare altresì molto importante la necessità di uscire dall’isolamento a cui siamo stati costretti, elaborando delle proposte di attività che mettano l’incontro ed il confronto al centro della propria progettualità.
La valorizzazione dello splendido borgo antico di Sacrofano, nel cuore del Parco di Veio, realizzando una manifestazione culturale prevalentemente a carattere musicale che si basa sul luogo dove viene realizzata, la si può ottenere anche attraverso iniziative come questa che cercano una simbiosi tra i progetti artistici, le splendide e suggestive location del paese e del parco e la loro importante storia.
La prima edizione del Festival Sacro-Phonè è concepita quindi come una sorta di “edizione zero”, realizzata solamente con risorse derivate dalla contribuzione pubblica e, pertanto, pur offrendo una versione minimale della programmazione, non manca di sottolineare i punti cardine alla base del progetto, esposti precedentemente.

www.sacrophone.it

ROSA DI FLAUTI – Concerto acustico

ROSA DI FLAUTI Concerto per strumenti a fiato arcaici Un concerto acustico di MARIO CRISPI Auditorium di Palazzo Branciforte Palermo Via Bara all’Olivella, 8 domenica 22 febbraio 2015 ore 12,00 rassegna ACUSTICO BRANCIFORTE ingresso unico € 5,00 organizzato da CURVAMINORE “ROSA DI FLAUTI” nasce dalla ricerca artistica e musicale di …

Agricantus in concerto a Roma

OSSIGENO FESTIVAL AGRICANTUS ven, 19/09/14 ore 21.00 Teatro Palladium Piazza Bartolomeo Romano 8, 00154 ROMA presenta l’anteprima dello spettacolo: REUNION! con Federica Zammarchi: voce, piano Mario Crispi: fiati etnici, voce Mario Rivera: basso, voce Giovanni Lo Cascio: batteria, percussioni Giuseppe Grassi: mandola, mandoloncello Special guest: Pivio: synth Massimo Laguardia: tamburi …

Concerto Agricantus a Locati: le foto

Gli Agricantus in concerto a Locati (Bompietro-Palermo)
sabato 2 agosto 2104

Dopo un’interruzione di qualche anno gli Agricantus hanno deciso di rompere il silenzio e di tornare a suonare dal vivo. Dopo l’esibizione del concerto del 1° maggio a Roma e a poche settimane di distanza dall’uscita ufficiale del nuovo disco “Turnari”, avvenuta il 20 maggio 2014, la band ha condivisio il proprio progetto nella dimensione “live” con il proprio pubblico. Tanti i brani eseguiti in repertorio: dal loro singolo “Nsunnai” (uscito il giorno dell’equinozio di primavera) a “Turnari”, il brano che dà il titolo al nuovo album e presentato il 21 giugno con l’entrata dell’estate, dal nuovov repertorio ai brani più famosi come Istanbul Uyurken, Ciavula, Li Vuci ri l’omini, Carizzi r’amuri etc.

Gli Agricantus, guidati da Mario Crispi e Mario Rivera (fondatori del gruppo), saliranno sul palco con la loro nuova formazione, arricchita del talento di Federica Zammarchi (che già si è distinta nelle sue performance vocali ed è stata apprezzata dalla critica nazionale), Giovanni Lo Cascio, raffinato batterista italiano e Giuseppe Grassi, giovane talentuoso della mandola e del mandoloncello. Con loro sul palco anche due amici di lunga data: Massimo Laguardia ai tamburi a cornice del Sud Italia, già fondatore di Agricantus insieme a Crispi e Rivera, ed Enzo Rao, al violino acustico ed elettrico.

Le foto sono di Cinzia Garofalo

http://www.agricantusofficial.com/gallery/agricantus-live-locati/

Agricantus: la storia di un viaggio che non ha fine

Agricantus è nato tanti anni fa da un gruppo di adolescenti, e fin dall’inizio lo spirito collettivo e di gruppo ha prevalso sulle spinte individuali, consentendo ai vari componenti di elaborare insieme un discorso musicale e culturale basato su questi principi e valori. Per affermare e documentare ciò, abbiamo pubblicato …